Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Portogallo: nuova tassa di soggiorno in Algarve

Vi sono alcune importanti novità per chi si appresta a fare un viaggio in Portogallo: è stata infatti approvata l’applicazione di una tassa di soggiorno in Algarve in partenza da marzo 2019. A deciderlo sono state le amministrazioni comunali dell’Algarve che, con questa nuova tassa, intendono raccogliere una somma che si aggira intorno ai 20 milioni di euro. Una cifra importante che potrebbe essere destinata allo sviluppo, al mantenimento e alla pulizia delle aree pubbliche, anche se non è ancora chiaro quali potrebbero essere i progetti realizzabili con questi introiti.

La tassa di soggiorno prevista è di 1,5 euro a notte che si applica fino ad un massimo di sette notti consecutive ai turisti in visita in Algarve esclusi i bambini fino ai 12 anni per il periodo da marzo ad ottobre, con inizio a decorrere dalla stagione 2019. Ma qualche località dell’Algarve potrebbe iniziare con questa tassa anche prima, a partire da gennaio 2019 come ad esempio Vila Real de Sant’Antonio.

Naturalmente le proteste delle associazioni del turismo dell’Algarve e degli albergatori non si sono fatte attendere, contraria all’applicazione anche l’amministrazione del comune di Silves. Gli operatori del turismo in Algarve mettono in luce come l’aumento dei prezzi e la nuova tassa di soggiorno in Algarve potrebbe rendere meno competitivo il territorio portoghese nei confronti di altre località come la Turchia, la Tunisia e l’Egitto, ma anche la Grecia.

 
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
 

 

Portogallo turismo stagione 2018

Il 2018 è stato un anno di consolidamento del turismo in Algarve, il fatturato è cresciuto anche se non ci sono state le crescite a due cifre nel numero di turisti e di arrivi che si sono registrate nelle stagioni precedenti, soprattutto nel 2016 e 2017. Questa nuova misura potrebbe ulteriormente pesare sull’economia turistica dell’Algarve. Maggiori approfondimenti qui

Nell’ultimo periodo infatti destinazioni come la Turchia hanno visto un incremento dell’afflusso di turisti grazie ad una politica di prezzi bassi che il Portogallo, e in particolare l’Algarve, non possono sostenere. I costi in Europa sono più alti e devono essere rispettate normative in tema di concorrenza, mentre i paesi fuori UE possono permettersi maggiore libertà. Ma non è solo la Turchia ad avere attratto più turisti: anche la Tunisia e l’Egitto hanno visto un ritorno di turisti soprattutto dal nord Europa. Lo scenario politico in queste destinazioni è di fatto migliorato, non sono stati registrati attentati e casi di violenza. Tutto ciò, unito ad un clima favorevole e ai prezzi bassi, ha contribuito ad un aumento del numero dei turisti in questi paesi.

 

Vacanze Portogallo turismo: scenari futuri

In questo scenario la decisione di porre una tassa di soggiorno per i turisti in Algarve Portogallo sembra remare contro gli operatori del settore dell’Algarve che minacciano di opporsi in tutte le sedi a questa decisione.

C’è ancora tempo per cambiare le carte in tavola. Ma anche se dovesse essere applicata non sarà certo questa tassa di soggiorno in Algarve, per altro già presente in molte altre destinazioni turistiche, a dissuadere il turismo. Anzi, se coordinata con dei progetti ben definiti la misura potrebbe essere utile per sviluppare l’Algarve, per la riqualificazione di alcune zone e per aiutare nella gestione e nella pulizia delle aree urbane.
Ma in definitiva, quanto costa una vacanza in Algarve Portogallo? SCOPRILO QUI e vedi gli hotel e i villaggi turistici per una vacanza 7 giorni, inoltre trova le migliori offerte voli ryanair diretti dall’Italia a Faro Portogallo.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"