Porti Portogallo: i principali porti marittimi turistici, commerciali e navali da Nord a Sud in Algarve.

Il Portogallo è un’affascinante destinazione che si trova all’estremità ovest del continente Europeo. Affacciato sull’Atlantico e ricco di bellezze naturali, questo paese ospita quasi 900 km di costa ed è sicuramente l’ideale per gli amanti dell’oceano. La presenza di una zona litorale così estesa ha portato alla nascita di numerosi e importanti porti portoghesi che hanno influenzato in modo significativo la storia, l’economia e le sorti di questo stato. I porti Portogallo hanno infatti permesso una grande espansione e la creazione del primo impero coloniale della storia, con ricchezze, scambi e possedimenti in tutto il mondo.

Nonostante l’antico impero portoghese oggi si sia quasi del tutto dissolto, rimane intatto il fascino di quelle cittadine sul mare, dove il tempo sembra essersi fermato e si respira quella vibrante atmosfera fatta di partenze e di arrivi.

Come è facile immaginare per chi vuole scoprire la cultura portoghese più autentica il modo migliore è proprio partire dai porti portoghesi. Da Nord a Sud si incontrano porti turistici, porti commerciali e porti navali ognuno con le sue peculiarità. Ecco perché abbiamo deciso di dedicare un articolo ai porti Portogallo: per consentire a chi sta programmando una vacanza, a chi ha degli interessi lavorativi e a chi studia questo paese da un punto di vista geografico o storico di avere un quadro il più completo possibile.

 
 

Ecco quello che vedremo:
Breve storia e origini dei porti portoghesi
Scenari moderni e futuri dei porti Portogallo
• Lista dei principali porti in Portogallo
Porti Portogallo Nord
Porti Portogallo Centrale
Porti Portogallo Sud – Algarve
Porti Isole del Portogallo
Portogallo porti turistici e Marine

 

Breve storia dei porti portoghesi

In questo video sui porti Portogallo intitolato “Viaggio al centro del mondo” ripercorriamo la storia portoghese legata al mare, dalle origini di questo territorio ad oggi. Anche se il video è in lingua inglese è facile da seguire. Inoltre, continuando la lettura trovi tutte le informazioni tradotte in italiano.

Circa 3.000 anni i Fenici giunsero da Oriente sulle coste del Portogallo e, in una località alla foce del fiume Tago, trovarono il luogo ideale per sviluppare delle rotte commerciali tra l’Africa e l’Europa. I Fenici chiamarono questa città Allis Ubbo definendola un porto sicuro.
I Romani non vollero essere da meno e, a circa 170 miglia a Nord, costruirono sempre sulla foce di un fiume (l’attuale Douro) un’altra città a cui diedero il titolo di Portus. Questa località in seguito avrebbe dato il nome all’intero paese: Portus Calle, da cui Portogallo.

Come si può intuire le origini di questa nazione sono fortemente legate al mare, al punto che gli studiosi affermano che non è il Portogallo ad avere dei porti, ma è il Portogallo stesso un grande porto. Del resto la parola “porto” definisce da sempre sia il nome di questo paese che la sua storia. Molte fra le principali città portoghesi includono nel loro appellativo questo termine e perfino il vino portoghese più famoso al mondo si chiama Vinho do Porto!

Possiamo immaginare il Portogallo quindi come un crocevia di culture e di scambi. I tempi sono cambiati ma ancora oggi questo paese si trova al centro delle rotte marittime più importanti: quelle che mettono in collegamento Europa, Africa e America.
Basti pensare che il 53% del commercio estero dell’Unione Europea attraversa acque portoghesi! Inoltre, anche se il Portogallo è solo al 111° posto nella classifica dei paesi del mondo per superficie, si trova all’11° posto per ampiezza della zona economica esclusiva. Tutto questo grazie al fatto di aver ampliato il raggio di azione del singolo porto in un’ottica nazionale, migliorando l’efficienza e la produttività della catena logistica e del corridoio Atlantico.

I porti portoghesi movimentano all’incirca 18 milioni di tonnellate di merci all’anno. Di fronte ad una crescita costante nei prossimi anni vi è la previsione di aprire nuovi terminal specifici per le navi portacontainer nei porti di Lisbona e Sines.
A Portimão, Setubal, Figueira da Foz e Viana do Castelo invece sono migliorate le condizioni operative e allo stesso tempo anche l’accessibilità rendendo questi porti del Portogallo sempre più interessanti. Oggigiorno quindi i porti portoghesi si occupano di inviare una ingente quantità di merci attraverso la penisola iberica sfruttando la rete ferroviaria, mentre raggiungono tutti gli altri paesi con spedizioni navali che conducono un vero e proprio viaggio al centro del mondo.

 

Scenari moderni e sfide future dei porti Portogallo

Come è facile intuire, il Portogallo assume da sempre una posizione geografica strategica e privilegiata a livello di rotte marittime intercontinentali. Con le sue coste affacciate sull’Atlantico ha costruito negli anni un sistema portuale moderno, dotato di capacità tecniche, umane e logistiche che consentono a questo piccolo paese di essere molto competitivo a livello globale. Negli ultimi 10 anni i porti portoghesi hanno visto un tasso di crescita molto più significativo rispetto agli altri porti della penisola iberica e al resto d’Europa. Sono i dati stessi a confermalo: un aumento del +41% per quanto riguarda la movimentazioni di merci e del 175% nel segmento delle merci containerizzate.

I porti navali Portogallo hanno oggi più che mai una forza strategica significativa sia per l’economia nazionale che per l’export, attraendo investimenti che generano nuove opportunità occupazionali. Sono proprio i porti inoltre, in sinergia con gli operatori del settore, a giocare un ruolo di impulso nell’economia del mare con una crescita costante del PIL (Prodotto interno lordo).
Il sistema marittimo portoghese assume infatti ben il 60% delle esportazioni nazionali e ha influenzato nel tempo sia la localizzazione di imprese di tipo tradizionale che di quelle che svolgono attività tecnologiche all’avanguardia. In termini pratici questo ha significato attrarre professionisti e creare posti di lavoro qualificati.

In questo video sui porti commerciali Portogallo è possibile scoprire alcuni dei principali scali navali, come ad esempio quelli di Sines, Setúbal, Lisbona, Figueira da Foz, Aveiro, Leixões (Porto), Viana do Castelo e Portimão, con suggestive vedute dall’alto sulla movimentazione delle merci e sull’ambiente circostante. Il video è in lingua portoghese ma come il precedente è facile da seguire. In più, continuando la lettura dell’articolo trovi tutte le informazioni anche in italiano.

Attualmente i porti portoghesi sono un punto di riferimento per tutte le attività economiche e di impresa. Le aziende che più beneficiano di questa importante collaborazione sono quelle che operano nella riparazione navale, nell’industria petrolchimica, nel settore agro-alimentare, nel campo delle energie alternative, nonché tutte le imprese che esportano i propri prodotti.

Nel 2015 i porti portoghesi hanno movimentato ben 84 milioni di tonnellate: il più grande volume di merci mai registrato e i dati continuano a crescere. Ma i porti in Portogallo non sono solo responsabili delle esportazioni: la loro funzione è fondamentale anche per rifornire i principali centri di consumo e di produzione del paese. Sempre nel 2015 si parla di uno smistamento di circa 2,5 milioni di TEU, una unità di misura standard con cui si misura la capacità di un container che generalmente può essere di uno (40 metri cubi totali) o due TEU.

Inoltre, i porti del Portogallo rappresentano un importante fiore all’occhiello che supporta l’espansione del turismo marittimo e fluviale. Anche per questo motivo questo paese è fiero di offrire strutture moderne, multifunzionali e tecnologicamente evolute per accogliere un turismo internazionale ed esigente.

Dopo aver raggiunto gli obiettivi prefissati nel 2006, il settore marittimo portuale è pronto oggi per nuove sfide incluse in un piano strategico chiamato “Portos Horizonte 2026”. La prima già in atto è quella di diventare sempre più un paese con una piattaforma logistica globale, che coinvolge tutti i porti nazionali facendoli collaborare in piena sinergia con il tessuto imprenditoriale di ogni territorio.
Il futuro dei porti portoghesi è anche quello di attirare nuovi investimenti, costruire terminal sempre più moderni con attrezzature innovative e migliorare gli accessi marittimi, non solo in termini di efficienza ma anche di capacità. In questo modo il Portogallo è sicuro di poter competere sempre meglio su scala globale, rafforzando ancora una volta la sua centralità e contribuendo all’economia del mare.

 

Lista dei principali Porti in Portogallo continentale da Nord a Sud

• Porti Portogallo Nord

1) Porto di Caminha
Il porto di Caminha è il più a nord del Portogallo. La cittadina di Caminha fa infatti parte del distretto di Viana do Castelo e si trova alla foce del Rio Minho, fiume che nasce in Galizia nel nord della Spagna, precisamente a Meira, in Provincia di Lugo. Il Minho segna il confine naturale fra la regione della Galizia in Spagna e il Portogallo.
Questa cittadina caratteristica si distingue per le lunghe spiagge bianche e un centro storico molto grazioso. Il porto di Caminha è invece un terminal fluviale per le imbarcazioni, in particolare per i traghetti per il trasporto di persone e di automobili che da qui partono in direzione Spagna.

 

2) Porto di Viana do Castelo
Caminha è certamente una località molto caratteristicha ma non compete per dimensioni con il principale porto a nord del Portogallo che è quello di Viana do Castelo. All’ingresso della regione del Minho, la cittadina di Viana do Castelo ha una ricca e lunga storia, testimoniata da bellissimi monumenti come la cattedrale in stile romanico, il ponte Eiffel (progettato dall’autore dell’omonima torre a Parigi) e Praça da República.

Questa destinazione è particolarmente apprezzata dal turismo europeo che trova fra le sue vie storiche tranquillità e relax. Anche gli italiani a Viana do Castelo sono piuttosto numerosi, alcuni trasferiti in Portogallo in pensione altri invece per motivi di lavoro.
Qui puoi trovare alcune delle più belle escursioni a Viana do Castelo, tour organizzati e attrazioni per conoscere la città.


 

3) Porto di Póvoa do Varzim
A circa 40 km da Viana do Castelo troviamo Póvoa de Varzim, località balneare considerata una delle perle della Costa Verde Portogallo. Oggi è una zona turistica molto frequentata che ha perso un po’ lo smalto del tradizionale porto portoghese, ma è ricca di servizi e strutture ricettive.

Nei dintorni, chi ama le spiagge può trovare pane per i suoi denti: la riserva Ornitologica do Mindelo è una splendida zona verde dove è possibile rilassarsi e fare birdwatching. Inoltre ci sono anche bei lidi dove prendere il sole.

 

4) Porto di Vila do Conde
A circa 50 km a sud di Viana Do Castelo, sulla foce del fiume Ave troviamo il porto di Vila do Conde. La città sorge sulla riva nord del Rio Ave, che la separa dalla cittadina di Azurara sul versante opposto.
Il porto di Vila do Conde è quindi un porto fluviale con accesso al mare. Un piccola zona del porto è dedicata alla pesca e si trova proprio di fronte al mercato del pesce. In quest’area l’attività della pesca fin dall’antichità è parte integrante dell’economia locale, un settore in continua evoluzione che contribuisce all’occupazione e allo sviluppo della città. Poco più ad est troviamo anche la Marina di Vila do Conde un piccolo porto da diporto, con alcuni ristoranti e lounge bar.

Per chi vuole fare del turismo a Vila do Conde molto caratteristica da ammirare è la famosa “Caracca”, un antico veliero adatto per robustezza e dimensioni alla navigazione nell’oceano Atlantico. Questa imbarcazione è nota soprattutto perché è legata all’Età delle Scoperte, il periodo compreso tra il XV e XVI secolo quando i velieri e le navi portoghesi salpavano dai questi piccoli porti per scoprire ed esplorare il mondo ancora sconosciuto agli europei.


 

5) Porto di Leixões (città di Porto)
Dopo il porto di Sines quello di Leixões è il secondo porto artificiale più ampio del Portogallo. Fondato alla fine del XIX secolo, e in seguito esteso e migliorato, questo porto portoghese si trova a 4 km a nord della foce del fiume Douro (il fiume di Oporto) nel comune di Matosinhos.

A pochi chilometri a sud si incontra la seconda città del Portogallo: la splendida Porto. Questa cittadina accoglie i visitatori con case antiche e colorate, strade lastricate come quelle nel quartiere Ribeira fra ristoranti e bar caratteristici, palazzi d’epoca e un centro storico considerato Patrimonio dell’Umanità. Una delle migliori angolazioni per visitare Porto e la sua regione è proprio a bordo dei battelli che percorrono il fiume Douro o Duero. Una tappa immancabile è anche la bellissima chiesa di San Francesco, mentre gli appassionati di vini liquorosi in questa cittadina non possono fare a meno di assaggiare il Vinho do Porto, il liquore più famoso del Portogallo.


 

6) Porto di Douro
Il Porto di Douro è un grazioso porto turistico che può ormeggiare fino a 300 imbarcazioni. Si trova a Vila Nova de Gaia sulla riva sud del fiume Douro (o Duero). Sulla sponda opposta vediamo Porto, la seconda città del Portogallo.

La Marina de Douro è il fiore all’occhiello di tutta la zona. La sua posizione è strategica, a circa 500 metri dalla foce del fiume nell’oceano Atlantico e ad una distanza di 800 metri dal Ponte Arrábida, uno dei famosi ponti della città di Porto. La Marina de Douro offre dei servizi di elevata qualità ed è diventata nel tempo un punto di riferimento di eccellenza per le imbarcazioni che percorrono il tratto atlantico.


 

7) Porto di Aveiro
Il Porto di Aveiro si trova nell’omonimo distretto, in una laguna creata dalla Ria di Aveiro. In questo video con foto aeree puoi scoprire il territorio e alcune caratteristiche di questa zona portuale a nord del Portogallo.

Il porto di Aveiro ha la finalità di movimentare vari tipi di merci come ad esempio merci solide, generiche e liquide, con diversi terminal. Inoltre, fondamentale per l’economia del luogo è il terminal dedicato allo stoccaggio e alla movimentazione del pesce. Per saperne di più visita il sito del porto di Aveiro.

Ospitando un’ampia gamma di specie questo territorio è anche classificato come zona di protezione speciale (ZPS) di grande importanza in termini di conservazione delle zone umide.

 

8) Porto di Figueira da Foz
Il porto di Figueira da Foz si trova nell’omonima città ed è dedicato al trasporto marittimo a corto raggio e ad attività ricreative e legate alla pesca.

Si tratta del porto più vicino a città importanti come Pombal, Coimbra, Leiria, Guarda, Castelo Branco e Tomar e per questo motivo assume un’importanza strategica aggiuntiva per tutta la regione centrale del Portogallo.

 

• Porti Portogallo centrale

1) Porto di Nazaré
Nazaré si trova a nord di Lisbona ed è una delle località più famose al mondo per chi vuole praticare surf in Portogallo a livello professionale. Ricordiamo l’onda gigante di oltre 30 metri a Praia do Norte cavalcata dal portoghese Hugo Vau entrato nel Guinness dei Primati per questa incredibile performance sportiva.

Di sicuro, fra i porti Portogallo, questa località è interessante da visitare anche come porto turistico per scattare una foto alle magnifiche onde e all’iconico faro.


 

2) Porto di Peniche
Il porto di Peniche è posizionato in una zona riparata nella città di Peniche in Portogallo, a nord di Lisbona. Questo scalo marittimo è stato fondato nel 1981 e si distingue per essere il porto più occidentale dell’Europa continentale.


 

3) Porto di Cascais
Anche la marina di Cascais fa parte dei più famosi porti turistici del Portogallo. Si tratta di un vero e proprio punto di riferimento, con eventi e manifestazioni di alto livello che ogni anno richiamano spettatori da tutto il mondo.
La marina di Cascais inoltre ha la capacità di ospitare fino a 650 imbarcazioni. Questa zona è anche nota per essere una delle aree portoghesi più eleganti e raffinate, raggiunte da un turismo d’élite. Molti i nobili e i monarchi d’Europa che la scelsero come destinazione preferita, tra questi anche Umberto II l’ultimo re d’Italia, dopo la proclamazione della Repubblica italiana nel 1946. Visita il sito della Marina di Cascais
Nelle vicinanze si distingue per fascino e glamour anche la località di Estoril , famosa per ospitare il casinò più grande d’Europa, per l’autodromo e per i numerosi hotel di alto livello.


 

4) Porto di Lisbona
Lisbona è la capitale del Portogallo, una delle città che ha visto la crescita maggiore negli ultimi anni. Il suo porto è considerato per importanza il terzo porto di navigazione del Portogallo. La sede è situata nel punto dove le acque del fiume Tago incontrano l’Oceano Atlantico. I 32 mila ettari di questo porto naturale nell’estuario del Tago consentono di accogliere navi di ogni dimensione. Il principale canale di accesso al porto è dotato di fatto di una profondità di -15.5 m ZH che offre ottime condizioni da sempre anche per la nautica da diporto.

porti portogallo lisbona

La posizione centrale rende questo porto anche uno dei principali scali del commercio internazionale e uno dei collegamenti più strategici con il fronte Atlantico. Inoltre, viene particolarmente sfruttato sia dalle catene logistiche che dai circuiti crocieristici. Può infatti ospitare qualsiasi nave da crociera ed è dotato di banchine su entrambe le sponde del fiume Tago. I 4 terminal per i passeggeri delle crociere si trovano in una zona piuttosto comoda e centrale di Lisbona, sono attrezzati con moderni equipaggiamenti e offrono una vasta gamma di servizi.

porti portoghesi porto lisbona

La Marina di Lisbona invece ospita regolarmente circa 1.000 imbarcazioni suddivise nei suoi quattro moli da diporto: Alcântara (nei pressi della LxFactory), Santo Amaro, Belém (dove si trova la Torre di Belém) e Bom Sucesso. In più svolge un ruolo di primo ordine anche per quanto concerne l’attività marittimo-turistica. Lo dimostra il fatto che sono davvero numerose le compagnie che organizzano escursioni sul fiume Tago, con servizi di ristorazione a bordo, spettacoli ed eventi.

porti portoghesi lisbona

Ovviamente una vacanza in Portogallo non può escludere una visita a Lisbona, a maggior ragione se questa città è uno degli scali di un viaggio in crociera.
Lo sanno bene gli italiani che negli ultimi anni hanno premiato Lisbona scegliendola come una delle tappe più ambite per le loro vacanze. Oltre ad un flusso crescente di arrivi con voli Italia Lisbona, troviamo un trend sempre più numeroso di viaggiatori che sceglie di fare una crociera in Portogallo.
In questa tabella è possibile vedere il flusso di viaggiatori arrivati in nave a Lisbona nel 2018.
Come è facile intuire, il mese di maggio sembra essere il periodo preferito dagli italiani per una crociera a Lisbona, anche compatibilmente con le offerte previste dalle maggiori compagnie come Costa Crociere e MSC Crociere.

italiani crociera lisbona portogallo 2018

Fra le attrazioni più apprezzate a Lisbona sia dai viaggiatori italiani che da quelli internazionali troviamo il Tram 28, il mitico mezzo di trasporto che ti porta nei quartieri più vintage e cool di tutta la città fino al mercatino della Fiera da Ladra.
Lisbona è famosa anche per i quartieri storici dell’Alfama e di Bairro Alto, nonché per la sua Praça do Comércio e per gli ascensori da cui ammirare dall’alto la città. Fra questi l’elevador de San Justa è una vera opera d’arte verticale e un capolavoro di ingegneria.
Per chi ama visitare i palazzi, le chiese e i castelli poi si consiglia il Monastero dos Jerónimos, il Castello di São Jorge e il Monumento alle Scoperte. Chi ha un po’ di tempo per girare nei dintorni di Lisbona può spingersi fino a Sintra per visitare il Palácio da Pena e il parco.

Qui alcune delle migliori attrazioni ed escursioni a Lisbona:


 

5) Porto di Setúbal
Il porto di Setúbal è fra i più antichi del Portogallo. Furono i Fenici i primi ad utilizzare questa insenatura alla foce del fiume Sado, dando vita a quello che sarebbe stato in futuro uno dei principali porti del Portogallo. Anche i Romani conquistarono questo territorio, creando un importante insediamento e un porto navale strategico per il commercio. Ancora oggi le rovine dell’epoca romana sono evidenti e raccontano qualcosa in più sulla storia di questa penisola così ambita.

Nel corso del tempo il porto di Setúbal si è modernizzato, rimanendo al passo con le novità e i cambiamenti del settore marittimo. Dagli anni ’70 ad oggi è cresciuto notevolmente grazie ad investimenti mirati al miglioramento delle infrastrutture, alla creazione di banchine private e all’ampliamento dei fondali. Anche il settore dell’automobile ha contribuito allo sviluppo del porto. Un’ulteriore banchina di 370 metri è stata costruita infatti negli anni ’90 per poter rispondere alle necessità di esportazione delle auto prodotte da AutoEuropa, un impianto di assemblaggio costruito nella vicina località di Palmela. Oggi questo stabilimento è interamente di proprietà di Volkswagen. Negli anni 2000 investimenti di svariati milioni di euro hanno poi permesso l’ampliamento della capacita del porto di Setúbal per la gestione ottimale del flusso di container.
Oggi è considerato uno dei porti industriali più importanti della penisola Iberica. Visita il sito del Porto di Setúbal


 

6) Porto di Sesimbra
A circa 32 km a ovest della città di Setúbal si trova il Porto di Sesimbra, molto noto come porto di pesca sia per la qualità del pesce che per la quantità. Il pescato della zona infatti è in buona parte destinato alle crescenti esigenze della città di Lisbona.
Dal punto di vista strutturale il porto è dotato di una buona profondità naturale che riduce la necessità di ricorrere al dragaggio dei fondali. Inoltre, è facilmente accessibile e ben riparato dai forti venti dell’Atlantico.

Oltre alla pesca il porto di Sesimbra è noto per il club navale fondato nel 1930 denominato Clube Naval de Sesimbra (CNS) che riunisce oltre 2000 soci e dal 1982 è diventato un organismo riconosciuto di pubblica utilità. Numerose sono le attività legate al mondo delle imbarcazioni e agli sport acquatici: dalla scuola di vela e di canottaggio alla scuola di navigazione, dalla pesca sportiva fino alla caccia sottomarina e alle immersioni. Un’area del Porto di Sesimbra è proprio dedicata a queste attività e permette un facile accesso agli sport acquatici. Vi è inoltre una graziosa marina con ristoranti di pesce.

La gestione economica del Porto di Sesimbra è sotto il controllo dell’APSS (Amministrazione portuale di Setúbal e Sesimbra) che si occupa anche dello sviluppo e della conservazione. Maggiori informazioni sul Porto di Sesimbra


 

7) Porto di Sines
Il porto di Sines è l’ultimo porto del Portogallo centrale, ma anche il più grande porto artificiale del Portogallo.
Le sue acque profonde, con fondali naturali fino a -28 m ZH, consentono di ospitare imbarcazioni di ogni genere, movimentando diverse tipologie di merci e consentendo operazioni di trasbordo (transshipment) e smistamento merci su varie reti interne e trans-europee.


 

• Porti Portogallo Sud (Algarve) da est ad ovest

1) Porto di Vila Real de Santo António
Il Porto di Vila Real de Santo António può essere considerato il primo o l’ultimo porto dell’Algarve in quanto si trova all’estremità est di questa bellissima regione a sud del Portogallo.
Si tratta di un grazioso porto turistico fluviale con accesso all’oceano Atlantico. In questa zona il Rio Guadiana segna il confine fra la Spagna sul lato destro del fiume e il Portogallo sul lato sinistro. Ad unire i due paesi il Ponte Internacional do Guadiana, aperto al transito il 22 agosto del 1991.

porti portogallo vila real de santo antonio

Nonostante la presenza di un ponte moderno, ancora oggi molti residenti e turisti scelgono di prendere uno dei numerosi traghetti che collegano Vila Real de Santo António con la vicina Ayamonte sulla sponda spagnola del Rio Guadiana. Queste imbarcazioni inoltre salgono il fiume fino ad arrivare alla cittadina di Mertola, nella regione portoghese Alentejo.

Il Porto turistico di Vila Real de Santo António può ospitare fino a 385 navi. E’ dotato di una banchina galleggiante con due pontili. Barche a vela, motoscafi e yacht ormeggiano presso questo porto che è considerato un punto di arrivo ma anche di partenza per scoprire l’Algarve. Il porto inoltre è attrezzato per permettere vari sport acquatici: dal canottaggio al windsurf, fino alla pesca sportiva e alla pesca d’altura.


 

2) Porto di Tavira
Fra le località dell’Algarve, Tavira è di certo una delle più affascinanti e suggestive, con le sue viuzze dove si respira un’atmosfera rilassante e tipica di altri tempi. La storia del Porto di Tavira è legata all’esportazione del pesce e del sale, un tempo merce di scambio preziosissima. Ancora oggi è possibile visitare le Saline di Tavira dove si produce il tipico “Flor de Sal” dell’Algarve.
Anche la pesca al tonno ha contribuito allo sviluppo del porto con la costruzione di strutture adeguate. Il 1972 segna però la fine dei questa tipologia di pesca e, pochi anni dopo, nel 1991 cessa l’attività anche il Mercato municipale denominato Mercado da Ribeira. Questo simbolo della città costruito nel 1887 fu fondamentale nello sviluppo dell’industria ittica e commerciale di Tavira. Nel 2001 dopo un restauro è stato riaperto come luogo storico, diventando un mercato di frutta, verdura e prodotti locali.

Nel tempo il turismo ha poi modificato e sostituito le vecchie attività marittime e oggi il porto di Tavira è noto come punto di partenza dove ormeggiare la barca oppure salire a bordo delle imbarcazioni che permettono di raggiungere la splendida Ilha de Tavira.
Recentemente inoltre sono state finanziate cifre importanti per il dragaggio e per il miglioramento delle strutture del porto di Tavira.

 

3) Porto di Olhão
Il Porto di Olhão rappresenta pienamente l’anima di questa pittoresca cittadina dell’Algarve. Un’atmosfera unica si respira in questa zona, un tempo terra di pescatori ed oggi riscoperta dal turismo, soprattutto francese e italiano. Il porto da diporto di Olhão è cresciuto nel tempo e nuovi progetti allo studio potrebbero vederlo ampliare ulteriormente, anche nell’area fino ad oggi dedicata esclusivamente alla pesca.

porti portogallo olhao

Attualmente la marina di Olhão ha un pescaggio massimo di 3 metri e una capacità di ormeggiare fino a 320 barche.
Passeggiando per le vie del porto è affascinante perdersi nelle attività dei pescatori e vedere come barche a vela, motoscafi, barche e traghetti per il trasporto si danno il cambio continuamente, arricchendo di vita e di dinamismo il porto di Olhão. Proprio da questo porto infatti orde di turisti e residenti durante l’estate partono per raggiungere le isole di Armona, Farol, Culatra e Ilha Deserta, dove trascorrere giornate rilassanti di sole e mare.

 

4) Porto di Faro
Faro è il capoluogo della regione dell’Algarve ed è di sicuro una delle città portuali del Portogallo da visitare assolutamente. Quest’affascinante cittadina coniuga infatti attrazioni e storia.

Il cuore di Faro Portogallo offre un delizioso centro storico davvero suggestivo con negozi, ristoranti e bar, giardini dove fare delle tranquille passeggiate, un aeroporto moderno ed efficiente, nonché bellissime spiagge dove prendere il sole e fare sport. Di sera poi Faro si anima di vita sociale, movida e locali dove socializzare e divertirsi. Leggi la guida turistica Faro e scopri alcune delle più belle attrazioni ed escursioni in Algarve.

Da qualche tempo inoltre durante l’estate da Portimão partono i traghetti per raggiungere l’isola di Madeira, un luogo magnifico circondato dall’Oceano Atlantico. Leggi la guida turistica Portimão e scopri questo territorio con gite in barca ed escursioni.

porti portogallo portimao ferragudo


 

6) Porto di Lagos
A partire dagli anni ’60 la città di Lagos ha visto il passaggio da un’economia basata sulla pesca al turismo. Le bellissime spiagge e il piacevole clima dell’Algarve hanno contribuito allo sviluppo di quella che oggi è la principale attività dell’area. Allo stesso modo il Porto di Lagos ha vissuto questo cambiamento.

Nel 1994 è stata inaugurata la Marina di Lagos, un porto turistico dotato di tutti i comfort che negli anni ha saputo accogliere 40 mila barche e oltre 100 mila ospiti di tutte le nazionalità del mondo. La Marina di Lagos ha ottenuto vari riconoscimenti, fra i quali il prestigioso Euromarina Anchor Award. Un successo quindi quello della marina di Lagos che ha riportato lustro ad una città di marinai ed esploratori. Da qui infatti sono partiti alcuni dei più importanti viaggi nel periodo denominato “età delle scoperte geografiche”.

Scopri cosa fare a Lagos in vacanza, fra escursioni, gite in barca e avvistamento di delfini.



 

• Lista Porti Portogallo Azzorre e Madeira

1) Açores
2) Angra
3) Ponta Delgada
4) Praia da Vitória
5) Flores
6) Horta
7) Vila do Porto
8) Madeira
9) Funchal
10) Porto Santo


 

Portogallo porti turistici da visitare

Oltre ai principali porti Portogallo (con e senza capitaneria) abbiamo poi tutta una serie di porticcioli e marine interessanti da visitare, per una passeggiata e un momento di relax. Uno di questi ad esempio è la Marina di Vilamoura, dove fare shopping e assaporare un’atmosfera chic fra baretti e ristoranti internazionali. La marina di Vilamoura è la più antica del Portogallo.

Vilamoura Portogallo Algarve Marina Vilamoura

Marina di Vilamoura Algarve Portogallo

Anche la marina di Albufeira è un punto di partenza per escursioni in barca in Algarve, sport acquatici e momenti di divertimento.

porti portogallo albufeira

Porti in Portogallo: porto di Albufeira

Tutte queste marine e i porti turistici dell’Algarve sono punti di riferimento strategici per chi vuole raggiungere in barca questo splendido angolo di paradiso terrestre e magari posteggiare l’imbarcazione per alcuni mesi.


Se hai letto tutto l’articolo fino a qui allora puoi dire di avere le idee chiare su quali sono i Porti in Portogallo. Vediamo però di riassumere e fare una classifica dei porti portoghesi in ordine di grandezza e importanza strategica:
1. Sines
2. Leixões (Porto)
3. Lisbona

Il porto più a nord del Portogallo è quello di Caminha.
La marina più antica del Portogallo è quella di Vilamoura.

Come avrai immaginato, il Portogallo con i suoi tanti porti da Nord a Sud è anche il luogo perfetto per una crociera. Hai solo l’imbarazzo della scelta! Sono infatti davvero tante le opportunità per trascorrere bellissimi momenti visitando coste e spiagge segrete, sia sul mare sia risalendo i fiumi navigabili come il Tago (Tejo), il Douro o oppure il Rio Guadiana al confine con la Spagna. Scopri di più sulle crociere in Portogallo.