COVID-19: le informazioni presenti potrebbero non essere aggiornate e riferirsi al periodo precedente la pandemia. Info qui

Un po’ di storia e geografia dell’Algarve per conoscere questo splendido territorio

Spiagge dorate, scogliere, acque cristalline, sono le prime cose che vengono in mente pensando all’Algarve Portogallo. Ma questa zona è anche caratterizzata da distese di prati verdi per la maggior parte dell’anno e boschi fitti.

L’Algarve è infatti come un grande giardino soleggiato in tutte le stagioni, esteso su un’area di circa 5.000 km2 e con circa 200 km di coste affacciate sull’Oceano Atlantico.



Geografia Algarve: un gioiello incastonato fra la Spagna e l’oceano

Questa regione, situata all’estremo sud del Portogallo, da un punto di vista geografico confina a nord con la zona dell’Alentejo famosa per i suoi vini, ad ovest con l’Oceano Atlantico e ad est con il fiume Guadiana, il grande corso d’acqua che segna il confine naturale con la Spagna.

Grazie alla sua geografia e alla posizione strategica collocata tra mare e rilievi montuosi, l’Algarve gode di un clima mediterraneo e offre ai visitatori 300 giorni di sole all’anno, con temperature minime invernali che di solito non scendono sotto lo zero. Ovviamente al tempo non si comanda e non tutti gli anni il clima è così favorevole. Tuttavia, questo è uno dei tanti motivi per cui questa zona del Portogallo é particolarmente apprezzata anche dai viaggiatori dell’Europa del Nord che scelgono queste coste per sfuggire ai mesi freddi dell’inverno.


Vedi Prezzi Hotel e Appartamenti in Algarve


Al di là della zona costiera Atlantica, l’Algarve comprende inoltre un entroterra collinare e ben tre catene montuose: Monchique, Espinhaço de Cão e Caldeirão. Queste catene montuose non possono certo essere paragonate alle nostre Alpi o alle Dolomiti, ma richiamano ugualmente molti turisti tutto l’anno. Occupando la metà della regione, proteggono la costa dai venti settentrionali.

Scarica la Mappa Faro Portogallo Algarve



Breve storia del territorio

La storia del Portogallo offre davvero molteplici ragioni per scoprire l’Algarve: dai ritrovamenti romani, ad esempio nella zona di Vilamoura, alla grande eredità del periodo arabo, dalla riconquista cristiana fino all’epopea delle grandi scoperte per il quale il Portogallo è famoso in tutti i libri di storia.

La cultura di origine araba, protrattasi per quasi sei secoli, ha segnato senza alcun dubbio l’Algarve. Un esempio? Il nome attuale di questa regione: Al-Gharb, che significa Ovest.

L’influenza del dominio arabo si manifesta ancora oggi nei nomi delle città e dei villaggi, nonché nell’architettura dei monumenti, nei motivi decorativi come i tipici merletti, nelle terrazze, nei camini o nelle case imbiancate a calce che spesso caratterizzano più l’interno che la costa turistica.

Cose da fare a Silves in Algarve Portogallo
Ingresso Castello di Silves Algarve Portogallo


L’epoca delle scoperte e delle grandi conquiste

La presenza araba si è conclusa nel XIII° secolo, durante il regno di Dom Afonso III, quando la regione venne annessa al Regno di Portogallo.

In seguito, nei primi anni del XV° secolo, l’Algarve e la sua gente furono protagonisti di una nuova epoca che li rese celebri in tutto il mondo. Stiamo parlando dell’espansione marittima portoghese e della creazione di un impero oltreoceano con la nascita delle colonie in America Meridionale, ma anche in Africa come in Angola, Guinea Bissau e Mozambico.

Da allora, le città di Lagos e Sagres, ma in generale tutte le località nella costa più a Ovest, sono sempre state associate alle grandi scoperte portoghesi e alla figura del principe Henrique o Navegador (in Italia conosciuto com Enrico il Navigatore), figlio di Giovanni I Re del Portogallo.

Un tour in queste località, fra alte scogliere, natura più brulla e mare turchese regala un senso di libertà e di grandezza, lo stesso sentimento che dovevano provare i navigatori più motivati che si avventuravano in quel mare, buttando un occhio fino all’ultimo alle bellissime coste del loro paese.



Per chi desidera conoscere maggiormente la grandezza della storia medievale portoghese una tappa è d’obbligo alle città di Aljezur, Lagos, Silves, Tavira, Castro Marim e Alcoutim con i loro musei, chiese, fortezze e i piccoli castelli che caratterizzano queste località e le rendono meta turistica tutto l’anno, soprattutto durante l’estate quando vengono organizzate fiere e feste medievali per celebrare le tradizioni.



Ti potrebbe interessare anche:


Vedi Prezzi Hotel e Appartamenti in Algarve